Orientamento

La Santo Domingo del primo periodo coloniale era una piccola comunità cinta da mura di forma ovale situata sulla riva occidentale del Rio Ozama. Alla fine del XIX secolo il sovraffollamento portò alla costruzione di nuovi insediamenti urbani al di fuori delle poderose mura erette due secoli prima a difesa contro le incursioni dei pirati. Nella prima metà del XX secolo lo sviluppo urbanistico fu graduale e di scarso rilievo, ma a partire dalla metà degli anni Sessanta fino ai giorni nostri Santo Domingo è stata testimone di una crescita enorme sia geografica sia demografica. Oggi la Zona Colonial rappresenta solo l’ l % della superficie della capitale.
Nonostante le sue notevoli dimensioni, la città non è difficile da girare, tranne nelle ore di punta degli spostamenti dei pendolari. Quasi tutte le strade cittadine sono disposte in strutture a forma di griglia: alcune di esse contengono strade tracciate in direzione est-ovest e nordsud, mentre in altre combinazioni le vie corrono diagonalmente rispetto ai quattro punti cardinali. Tali combinazioni sono
separate e divise dai principali viali della città. Santo Domingo è attraversata solo da una decina di viali principali perciò, se familiarizzate con questi viali, non vi perderete mai. Basta dare un’ occhiata alla cartina della città e si riconoscono subito le principali arterie che vanno da nord a sud e da est a ovest.
Ci sono due elementi da tenere a mente per orientarsi a Santo Domingo. Il primo è che Av George Washington, uno dei viali principali della città che per otto km costeggia il Mar dei Caraibi, viene chiamata comunemente malecon (muro lungo il mare). Il secondo è che i Dominicani usano di rado gli indirizzi, ma descrivono una destinazione facendo riferimento a un incrocio importante o a un monumento conosciuto; se chiedete indicazioni a qualcuno, potrete aiutarvi tirando fuori la cartina e chiedendo gentilmente di mostrarvi dove si trova la vostra destinazione.
Di solito le sistemazioni alberghiere prescelte dai turisti si trovano in due aree precise: la Zona Colonial oppure lungo il malecon tra Av Abraham Lincoln e la Zona Colonia!. Lungo il malecon sorgono grandi alberghi di lusso con vista sul mare e tutti i comfort dei grandi alberghi per uomini d’affari di San Francisco, Parigi e Tokyo. Nella Zona Colonial ci sono alcuni alberghi più piccoli e graziosi, ma nessuno offre vista sul mare o comfort particolari. Tuttavia, la Zona Colonial, con le sue strade un tempo percorse da Cristoforo Colombo, Sir Francis Drake e i loro contemporanei, offre un’ atmosfera intrisa del senso della storia più di qualsiasi altro punto del paese. Durante il soggiorno nella capitale i visitatori tendono a passare quasi tutto il tempo nella Zona Colonia!.
Ci sono un paio di quartieri della città che vanno evitati. Si tratta di periferie degradate come se ne trovano in qualsiasi altro paese in via di sviluppo. Una di queste aree si trova lungo la riva occidentale del Rio Ozama, immediatamente a nord del Puente Duarte. L’altro quartiere pericoloso è situato lungo il lato orientale di A v Maximo Gomez, a nord del Rio Isabela. La sera, non è saggio avventurarsi oltre la Zona Colonial o il malecon per gli atti vandalici di cui vengono spesso fatte segno le automobili dei ‘ricchi’ (vale a dire chiunque si possa permettere un’automobile) da parte di poveri frustrati dai numerosi black-out. Detto questo, i crimini violenti verso i turisti non sono particolarmente diffusi nella Repubblica Dominicana e il rischio non deve impedirvi di visitare la Zona Colonial almeno durante il giorno.

Powered by Qumana

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: