La più giocasa delle Balene

Le megattere, chiamate in inglese humpback whales (balene dalla gobba), per via della singolare curva ad arco che il loro dorso assume quando s’immergono, sono diffuse in tutti gli oceani. Quelle che fanno la loro comparsa ogni anno al largo della costa della Peninsula de Samanà migrano tra l’Atlantico settentrionale e il Mar dei Caraibi. La loro migrazione, di oltre 5000 km, è una delle più iunghe compiute da un mammifero.

Balene_salto

Le megattere si spostano verso i banchi di ghiaccio in estate soprattutto per rimpinzarsi lungo il percorso, e in inverno fanno ritorno nelle più basse e calde acque tropicali, come quelle della Bahia de Samanà, per riprodursi. Le balene si nutrono di invertebrati e pesci, e consumano fino a una tonnellata e mezzo di cibo al giorno (l’equivalente di 12.000 Big Mac).

Piccoli gruppi di megattere talvolta si stringono in cerchio con le loro code o pinne, oppure soffiando bolle a formare vere e proprie barriere, attorno a banchi di prede. Per quanto spettacolare possa essere, non è tale abitudine a distinguere queste balene da tutte le altre, ma il fatto di dare l’impressione di divertirsi.

Nel romanzo Moby Dick, Herman Melville definisce le megattere come ‘le più spensierate e giocose di tutte le balene’, e questa descrizione appare particolarmente appropriata quando le balene raggiungono i Caraibi. Qui, più che in ogni altro luogo del pianeta, le megattere spesso fanno schioccare le loro pinne e code sulla superficie del mare e saltano, con tutto il corpo, o soltanto una parte, fuori dall’acqua, per poi immergersi nuovamente in mare in una cascata di schiuma.

Questo comportamento caratterizza maschi, femmine e anche i cuccioli, e nessun essere umano finora ne ha saputo spiegare il significato. Oltre a saltare, i maschi della specie cantano. Giunti alla maturità sessuale, iniziano a intonare lunghe e complesse ‘canzoni’ in quella che sembra una sorta di competizione canora per conquistare le femmine in estro.

Questo però non significa che siano soltanto amanti e non combattenti. Talvolta, il maschio scorta la femmina con il suo cucciolo, se ne ha uno, per alcuni giorni, lottando con gli altri maschi che tentano di nuotare vicino alla sua compagna. È stato anche osservato che, sempre per assicurarsi i favori delle femmine, gruppi di maschi possono mettersi a combattere fino a farsi sanguinare il capo urtando gli uni contro gli altri.

Quando l’accoppiamento si è consumato, dopo 11 o 12 mesi si ha la nascita di un unico cucciolo. Questo viene nutrito per un periodo quasi equivalente a quello della gestazione, con latte che contiene di norma il 50% di grassi (considerate che il latte umano, per esempio, contiene soltanto il 2% di grassi).

Le balene dell’Atlantico settentrionale sono per la maggior parte dominicane. Vengono cioè concepite e nascono nelle acque dominicane, in prossimità della Peninsula de Samanà.

Le megattere furono vittime di un’intensa caccia all’inizio del Novecento, quando più del 90% della popolazione mondiale venne annientata, e alcuni paesi continuano a cacciare queste balene, nonostante figurino tra le specie a rischio di estinzione. Oggi, i loro nemici principali sono le grandi navi che spesso le feriscono con le loro eliche, le enormi reti per la pesca commerciale, da anni utilizzate senza alcuna regola, e qualche occasionale orca.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: