Tripadvisor

tripadvisor_Hotel_Las_Cayenas_Kanesh_Beach_Hotel-Las_Terrenas_Samana_Peninsula_Dominican_Republic

Come sapete bene questo sito Tripadvisor offre, secondo me , un servizio molto utile per chi vuol programmare un viaggio. Tra le tante funzioni e ricerche vi è la possibilità di poter vedere i giudizi dei viaggiatori su ogni singolo Hotel . Questo , naturalmente , per tutto il mondo , non solo della Repubblica Dominicana.

Annunci

Informazioni generali

Clima

Nella Repubblica Dominicana esiste una sola stagione: l’estate. Nel corso dell’anno la temperatura oscilla fra i 20°C durante la notte nei mesi di gennaio e febbraio e i 34°C durante il giorno nei mesi di luglio e agosto.

Il periodo migliore è quello compreso fra novembre e Marzo, giacché, nel corso di questi mesi, la temperatura è di solito assai piacevole, sia di giorno che di notte.

Il periodo che va da Giugno a novembre viene considerato la stagione degli uragani, per cui, se avete progettato le vostre vacanze proprio in questi mesi, informatevi prima della partenza, sull’andamento ciclonico previsto. Normalmente non tutti gli anni un uragano passa sulla Repubblica Dominicana, infatti gli uragani pericolosi passano circa ogni vent’anni: gli ultimi sono stati David nel 1979 e Georges nel 1998. In genere, durante le stagioni degli uragani si verificano solo le tormente tropicali che sono fenomeni metereologici caratterizzati da intense piogge (normalmente non durano più di uno o due giorni), ma senza forti venti. Inoltre, a differenza di quanto molti stranieri pensano, non piove continuamente durante tutta la stagione degli uragani, infatti spesso piove intensamente per un paio d’ore al giorno e poi torna un bellissimo sole.
Le piogge sono più frequenti a maggio e a settembre.

Viaggio Collegamenti aereiOra come ora più di sessanta linee aeree collegano gli aeroporti di Santo Domingo, Puerto Plata, La Romana e Punta Cana (a breve sarà disponibile anche quello di Samaná) con le principali città di Europa, Caraibi, Stati Uniti e America Centrale e Meridionale. Le compagnie aeree che offrono voli dall’Italia sono Air Europe, Eurofly, Lauda Air, Iberia e Air France (queste ultime con scali a Madrid e Parigi).

Permessi d’entrataPer entrare nella Repubblica Dominicana è necessario avere il passaporto in corso di validità. Per cittadini di Stati Uniti, Canada e Germania che intendono soggiornare nella Repubblica Dominicana per non più di tre mesi è sufficiente presentare il proprio documento d’identità.

I cittadini dei principali paesi sviluppati non hanno bisogno di richiedere un visto presso un consolato della Repubblica Dominicana. All’Ufficio Immigrazione degli aeroporti viene richiesto un permesso turistico che può essere acquistato, al costo di dieci dollari, sia presso le compagnie aeree sia al vostro arrivo all’interno dell’aeroporto stesso sia al tour operator o agenzia di viaggio di fiducia. Tale modulo va compilato e poi consegnato ad un responsabile dell’Ufficio Immigrazione.

Medicinali ed abbigliamento MedicinaliSe avete in mente una vacanza di piena attività, non dimenticate di portare con voi l’occorrente per il pronto soccorso e le creme solari. E’ importante, inoltre, avere con sé un repellente antizanzare ed i medicinali necessari contro l’eventuale insorgere di disturbi intestinali, assai comune tra i turisti. 

AbbigliamentoA causa delle alte temperature, si raccomanda di portare con sé un abbigliamento pratico e leggero. Consigliamo di tenere presente, nel momento in cui si prepara la valigia, che non è consentito entrare nelle chiese, nei locali notturni e negli uffici pubblici con indosso i pantaloni corti o maglietta a maniche corte.

Valuta e costo della vita

ValutaLa valuta nazionale si chiama Peso Dominicano ed il suo simbolo è RD$. Esistono monete da 1,5,10,25 e 50 centesimi e da 5 e 10 pesos. Per quanto riguarda le banconote, sono in circolazione biglietti da 20, 50, 100, 500 e 1000 pesos.

Il cambio valuta può essere effettuato in tutte le agenzie del Banco de Reservas, presso qualunque banca o nei principali alberghi. Non fidatevi delle persone che vi propongono cambi di valuta per strada!

Dai una occhiata alle banconote dominicane!!

Costo della vitaIl costo della vita nella Repubblica Dominicana è molto più basso rispetto ai paesi più sviluppati. In ogni modo, va rilevato che il confronto tra prezzi nella Repubblica Dominicana con quelli dei paesi più sviluppati è molto variabile dipendendo dalle tipologie di beni e servizi.

I beni e servizi locali sono a buon mercato. Quindi i piatti offerti dai ristoranti con cucina tipica dominicana e le consumazioni a base di rum nei bar hanno prezzi molto inferiori rispetto a quelli a cui sono abituati i turisti stranieri.

Se si vuole consumare prodotti importati la situazione cambia leggermente. I ristoranti con cucina internazionale ed i bar che offrono vini ed alcolici d’importazione hanno prezzi in linea con quelli dei paesi più sviluppati.

Trasporti interniAll’interno del Paese sono presenti le maggiori ditte internazionali di autonoleggio (National, Honda, Avis, ecc).

Nel caso in cui, invece, si desideri utilizzare uno dei mezzi di trasporto locali, esiste un sevizio di taxi privato, attivo ventiquattro ore su ventiquattro, disponibile presso tutti gli alberghi del Paese. Al momento di prendere un taxi è sempre importante stabilire bene la tariffa con l’autista prima di entrare in vettura.

I mezzi di trasporto più popolari sono i famosi “carros publicos” (taxi pubblici) che circolano per le strade principali di diverse città seguendo percorsi fissi ed ospitando più persone alla volta. Le “guaguas”, nome con cui vengono chiamati gli autobus urbani, percorrono le principali arterie cittadine e, a differenza dei “carros publicos”, hanno fermate prestabilite e tragitti più lunghi. Un altro mezzo di trasporto è costituito dai “motoconcho”, motorini taxi che si trovano solitamente nei villaggi o nei luoghi non accessibili agli autoveicoli.

Come collegamento fra Santo Domingo e le altre città importanti, diverse linee di pullman privati, come Metro Tours, Caribe Tours, Terra Bus e Omni Tours, sono in grado di prestare un efficiente servizio di trasporto.

Le compagnie aeree Air Santo Domingo e Aerodomca offronno un servizio di voli giornalieri di collegamento interno tra diverse località turistiche.

LinguaLe lingue non rappresentano alcun ostacolo per un Dominicano; nonostante la lingua ufficiale sia lo spagnolo, risulta piuttosto facile incontrare persone che parlino inglese e, nella maggior parte delle località turistiche, una discreta percentuale della popolazione conosce anche l’italiano, il tedesco ed il francese.

Nel caso in cui non parliate lo spagnolo, non preoccupatevi: i Dominicani sono famosi per essere bravi a farsi intendere a gesti.

Nella Repubblica Dominicana non esistono dialetti, ma diversi modi di dire particolari.

Popolazione e religione PopolazioneLa popolazione dominicana consta di otto milioni di abitanti, di cui il 50% ha un’età al di sotto dei diciotto anni. La capitale, Santo Domingo, conta due milioni e mezzo di abitanti. Il 70% della popolazione è di razza meticcia.

ReligioneA differenza di quanto molti possano pensare, la religione osservata dal 98% della popolazione è il Cattolicesimo e non quella vudù.

Nella Repubblica Dominicana è consentita la totale libertà di culto.

Servizi pubblici AcquaSi raccomanda di consumare esclusivamente acqua imbottigliata e non acqua del rubinetto al fine di evitare eventuali disturbi intestinali.

Sistema elettricoSe provenite dall’Europa o da qualunque altro Paese in cui non viene utilizzato un sistema di voltaggio a 110V, no dimenticate di portare con voi un convertitore elettrico. Ad ogni modo, negli ultimi anni molti hotel hanno cominciato ad introdurre un voltaggio a 220V.

E’ importante sottolineare che il Paese detiene gravi problemi di energia elettrica: in qualunque momento del giorno ne può venire interrotta l’erogazione per diverse ore. In ogni caso, non preoccupatevi: la maggior parte degli esercizi pubblici è attrezzata per affrontare questo tipo di disagi che sono ormai frequenti da diversi anni.

Sistema telefonicoIl sistema telefonico Dominicano è all’avanguardia. In tutte le principali città esistono centri di chiamate sia internazionali che nazionali. Inoltre, soprattutto nella capitale, esistono molti telefoni pubblici a moneta.

Il costo delle telefonate locali è molto basso, tranne nel caso di chiamate verso cellulari. Il costo delle chiamate internazionali è molto alto soprattutto se effettuate dagli hotel. Per le chiamate internazionali, quando è possibile, è meglio recarsi presso i centri di chiamate internazionali.

Nella capitale ed in alcune delle città più importanti si trovano diversi Internet cafè, nei quali è possibile collegarsi alla grande rete a prezzi modici.

Orari e giorni lavorativi

Orari di lavoroLa maggior parte dei negozi rimane aperta dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30, incluso il sabato.Gli uffici pubblici sono operativi dalle 7.30 alle 14.30, dal lunedì al venerdì.

Le banche hanno un orario di apertura che va dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 15.30 ed il sabato dalle 8.30 alle 12.00.

Festività nazionali

A continuazione si riporta l’elenco dei giorni festivi nella Repubblica Dominicana. I giorni festivi segnati con un asterisco (*) vengono spostati nel caso in cui cadano in giorni diversi dal Lunedì; in particolare se i giorni festivi cadono di Martedì o Mercoledì vengono spostati al Lunedì precedente, mentre se cadono di Giovedì o Venerdì vengono spostati al Lunedì successivo (Legge 139-97).

Capodanno                          1 Gennaio
Epifania *                            6 Gennaio
Madonna dell’Altagracia          21 Gennaio

Juan Pablo Duarte                 26 Gennaio
Indipendenza                        27 Febbraio
Venerdì Santo                       Marzo (varia)
Festa del Lavoro *                 1 Maggio
Corpus Christi                        Maggio (varia)
Giornata della Restaurazione *  16 Agosto
Nostra Signora della Mercedes  24 Settembre
Giornata della Costituzione *     6 Novembre

Natale
                                  25 Dicembre

© Copyright2000-05 DominicanDream Content Provision / Condizioni d’Utilizzo

Merengue

Merengue

Quando si parla di balli e ritmi contagiosi, di certo non si possono dimenticare i Dominicani ed il loro merengue. E’ impossibile visitare questo Paese senza restare contagiati dalla sua musica e dai suoi balli. La popolazione ha il merengue nel sangue, è una vera passione che lo fa vibrare al più minimo suono. Solo il canto supera la passione del ballo, cantano sempre, in ogni circostanza: allegre o triste; esso rappresenta una vera e propria forma di espressione. Basta arrivare all’aeroporto o uscire in strada per sentire le vibrazioni di questa musica che si trasmette di generazione in generazione. Come si balla? Seguite il ritmo!

La Repubblica Dominicana è una delle poche nazioni del mondo che possiede un’autentica musica e ballo nazionale, il Merengue. Gli strumenti basici sono: la güira (strumento metallico) la tambora (fatta di pelle animale trattata al rum e ddiversa nei due lati, capra adulta e capra prima di partorire) e la fisarmonica.
Se visitate il Paese in Dicembre, non perdete l’occasione di fare un salto al Malecòn di Santo Domingo, conosciuto come la più grande discoteca del mondo, giacché a dicembre si festeggia il Natale a ritmo di merengue e la gente si scatena ballando. Lo stesso avviene nel mese di luglio, quando, a Santo Domingo, si svolge il Festival del Merengue, che si estende sino a Boca Chica. Ad ottobre, a Puerto Plata, si incontrano i migliori rappresentanti del merengue e diversi gruppi di ballo folcloristico.

Grazie alle migliaia di band che interpretano questo genere di musica, il merengue è conosciuto e ballato in tutto il mondo e viene suonato da orchestre dominicane ed internazionali.

Altri ritmi meno noti all’estero, ma considerati dalla popolazione, esattamente come il merengue, vere e proprie forme di espressione sono la bachata ed il perico ripiao; quest’ultimo è popolare soprattutto nella regione settentrionale.

Gastronomia

Nella Repubblica Dominicana si trova ogni sorta di cibo internazionale, ma approfittate del vostro soggiorno per assaggiare la cucina dominicana, saporita e variopinta, che prevede l’impiego di una gran varietà di frutta e verdura.

La dieta del Dominicano è basata sul piatto tipico, denominato “La Bandera” (la bandiera), che consiste in riso, fagioli neri o rossi, carne, insalata e platani (delle specie di banane) fritti.

Tra le altre specialità non lasciatevi scappare il “Sancocho”, tipico della regione del Nord, una specie di “cocido” spagnolo, il pesce al cocco nel Nord-Est, il “Chivo de Azùa” (capretto) nel meridione ed il famoso “mangù” che altro non è se non platano verde bollito e schiacciato.

Il “Cazabe” costituisce una tradizione culinaria sin dai tempi dei Taini: è una sorta di pane fatto con la yuca che si mangia assieme al “Chicharròn”, cotenna di maiale condita e poi fritta.

E che dire, inoltre, dei deliziosi dolci dominicani, fatti con il cocco, l’arancia, l’ananas ed una gran varietà di frutta tropicale?

Nel periodo della Quaresima, poi, è tradizione preparare una zuppa dolce a base di fagioli e spezie.

Buon appetito!

CarnevaleNel mese di Febbraio prende il via una delle tradizioni più popolari del Paese: il Carnevale; vi partecipano bambini e adulti, scatenando un tripudio di musica, colori, danze e maschere.

Il Carnevale si festeggia in tutte le regioni del Paese, ma la particolarità è che in ciascuna di esse vengono indossati maschere e vestiti con significati diversi; le maschere vengono fabbricate e dipinte a mano. Nel caso in cui il vostro soggiorno sull’isola non coincida con il periodo di Carnevale, potete acquistare queste maschere nei mercatini o nei negozi per turisti.

Il 27 Febbraio, Festa dell’Indipendenza Nazionale, si svolge una sfilata di Carnevale in tutte le maggiori città. Tra i carnevali più noti vi sono quelli di Santo Domingo, La Vega e Santiago.

Combattimenti fra galliI combattimenti fra galli fanno parte integrante delle tradizioni di questo popolo, anche se questa tradizione risulta crudele alle maggior parte degli stranieri ed molti dominicani. Assieme al baseball, sono considerati un appuntamento fisso, soprattutto nei villaggi.

Ogni sabato e domenica, questi combattimenti vengono tenuti in diversi centri denominati “galleras”, diffusi su tutto il territorio ed ufficialmente autorizzati. Nelle “galleras” si ritrovano a fare le scommesse persone di qualunque estrazione sociale.

© Copyright2000-05 DominicanDream Content Provision / Condizioni d’Utilizzo

Ambra e larimar

 Ambra e larimar

L’ambra è una peculiarità della Repubblica Dominicana. Questa resina di colore giallo che, trasformatasi in fossile, cela talvolta in sé impronte di piccoli animali, può essere acquistata in diversi posti; consigliamo di farlo in uno dei centri autorizzati o in uno dei musei dell’ambra di Santo Domingo o Puerto Plata, poiché è piuttosto facile incorrere in ambre false. Il principale centro per l’ambra è considerato Costambar, a Puerto Plata, dove si trova anche un museo interamente dedicato a questo fossile. Secondo la tradizione, l’ambra possiede virtù magiche soprattutto per la persona che la riceve in regalo. Buona fortuna!!

Il larimar è una pietra semipreziosa di colore azzurro cielo che si trova esclusivamente nella Repubblica Dominicana. Esso può essere acquistato presso il Mercato “Modelo” di Santo Domingo, nei negozi per turisti o nelle gioiellerie; si può trovare in diverse forme: allo stato naturale o lavorato, ad impreziosire collane, anelli, ed altri oggetti.

SigariAnche i sigari, lavorati a mano, fanno parte della tradizione dominicana e godono oggi di un enorme prestigio in tutto il mondo. Le marche più selezionate dei nostri sigari possono essere acquistate nei diversi “club del sigaro”, nei negozi per turisti, negli alberghi, negli aeroporti ed in vari supermercati. La regione settentrionale risulta la maggior produttrice di tabacco e nella città di Santiago si trova un museo interamente dedicato al sigaro.

Rum e birraIl rum e la birra sono le bevande più comuni nella Repubblica Domenicana.

Trovandovi in un Paese tropicale, caratterizzato da un clima caldo, non vi stupisca il fatto che il Dominicano si beva una “frìa”, come viene generalmente chiamata la birra, in qualsiasi momento della giornata. Tra le varie birre, al primo posto vi è la “Presidente”, facilmente riconoscibile grazie alla bottiglia di colore verde brillante.

Esistono, poi, altre marche locali come “Quisqueya”, “Bohemia” e “Soberana” ed alcune marche internazionali, ma, nel caso in cui non esprimiate alcuna preferenza, vi verrà servita una “Presidente”. Di solito si beve gelata; alcuni la mischiano con del succo di pomodoro in lattina.

Senza alcun dubbio, il migliore rum del mondo viene prodotto in queste terre. La gran varietà e qualità di rum prodotta nella Repubblica Dominicana deriva dal fatto che, nel Paese, vi è un’altissima produzione di canna da zucchero. Esistono diversi tipi di rum: lo scuro, il dorato, il vecchio, lo speciale.

Ognuno di essi gode di una caratteristica particolare, legate a diversi motivi come il processo di invecchiamento, la quantità di caramello impiegata, etc. La gradazione alcolica può oscillare fra il 40% ed il 75%, mentre il quantitativo in una bottiglia varia dal mezzo litro, al litro, sino ai cinque litri.

Il Dominicano beve di solito il proprio rum con ghiaccio o Coca-cola. Tra le marche locali più note troviamo il “Barcelò”, il “Brugal” ed il “Bermùdez”. Per tradizione i Dominicani offrono il primo sorso di rum ai defunti: per essi, appena viene aperta una bottiglia, si versa in terra il primo goccio!!

ArtigianatoL’artigianato dominicano è caratterizzato dall’impiego di colori forti e di materiali naturali, assai abbondanti nell’isola; materiali come il mogano, il metallo, la noce di cocco, l’argilla vengono trasformati in splendide sculture, bauli, suppellettili, mobili ed una innumerevole quantità di oggetti vari.

Diversi dipinti rispecchiano le usanze dei Dominicani, richiamando i colori e le abitudini della vita quotidiana; essi possono essere acquistati a prezzi modici, poiché purtroppo vengono apprezzati solamente dai turisti.

Sono ormai note anche all’estero le bambole tipiche “Lime”, fatte in argilla, caratterizzate da abiti vistosi e variopinti a dall’assenza dei tratti del viso.

Vi sono, inoltre, le famose maschere folcloristiche di Carnevale, con significati diversi in ciascuna regione, fabbricate e dipinte a mano.

Tutti questi prodotti artigianali possono essere acquistati nei vari negozi per turisti che si trovano generalmente all’interno dei diversi alberghi. Se avete l’opportunità di visitare Santo Domingo, dovete assolutamente fare un salto al “Mercado Modelo”, un mercato ricco di colori e di folklore dominicano, in cui è possibile ammirare un gran numero di prodotti artigianali; a non molta distanza si trova la via denominata “El Conde”, la principale strada commerciale della capitale. E non dimenticate di chiedere gli sconti!! Nella Repubblica Dominicana è assai comune contrattare il prezzo di qualsiasi cosa.

E’ importante ricordare che, nella maggior parte dei negozi per turisti, sono in vendita numerosi oggetti ricavati da gusci di tartaruga marina o altri animali il cui commercio è però proibito dalle autorità locali, poiché contribuisce all’estinzione di queste specie.

© Copyright2000-05 DominicanDream Content Provision / Condizioni d’Utilizzo

Sport

Sport acquatici

Le acque della Repubblica Dominicana sono perfette per praticare qualunque tipo di sport acquatico. La maggior parte degli alberghi è dotata di centri per l’attività sportiva, con ampie possibilità di scelta a seconda dei propri gusti. Tra gli sport più praticati troviamo: il motosci, la vela, il windsurf ed il motoscafo.

La particolare combinazione di certi fenomeni naturali rende le sue spiagge un luogo ideale per lo svolgimento annuale dei tornei di windsurf nelle acque di Cabarete; qui hanno sede scuole di sport acquatici riconosciute a livello internazionale.

Per gli amanti dell’avventura è possibile cimentarsi in una gita in gommone attraverso le rapide nelle regioni montuose del Nord, fra le alture e le verdi campagne.

Immersioni subacqueeScoprite gli affascinanti fondali corallini della Repubblica Dominicana; tuffatevi nelle sue calde acque cristalline praticando immersioni subacquee. La bellezza sta nel fatto che questo tipo di attività può essere praticata tanto da esperti, quanto da principianti; esistono, infatti, numerose scuole per sub, perlopiù negli alberghi stessi, che offrono corsi a tutti i livelli.

Tra i siti più popolari per le pratiche di sub si ricordano: Las Terrenas, Las Galeras, Sosua, Rìo San Juan, Punta Cana, Punta Rucia, Cayo Arena, La Caleta, Bayahibe, Isla Catalina e Isla Saona.

Chi visita la località di Boca Chica non può lasciarsi sfuggire l’occasione di fare immersioni nel Parco Nazionale de La Caleta , considerato uno dei cinque migliori punti di tutti i Caraibi per le attività di sub; in questi fondali si possono ammirare i relitti delle navi “Hickory”, “El Limòn” ed “El Capitàn Alsina”.

Golf

Lo splendido clima tropicale della Repubblica Dominicana, nonché la varietà del terreno presente fanno di quest’isola il luogo ideale per tutti gli amanti del golf. Questo sport rappresenta una delle principali attrazioni turistiche, per cui ogni anno migliaia di persone si recano sin qui per sfruttare i suoi campi da golf progettati da noti architetti nel pieno rispetto della natura, in un contesto di belle spiagge, colline e laghi.

Tra i campi principali si ricordano: “El Diente de Perro” ed il “Link” a Casa de Campo, “La Romana”, dove si svolgono i campionati mondiali, il “Cayacoa Country Club” a Santo Domingo, il “Punta Cana” nella provincia di Higuey, il “Playa Dorada” a Puerto Plata ed il “Playa Grande” presso Rio San Juan.

BaseballIl baseball è uno degli sport più diffusi in tutto il territorio ed è considerato il re degli sport. I Dominicani sono universalmente conosciuti per la loro forte presenza in squadre di baseball a livello mondiale.

Nella stagione invernale che va da Novembre a Gennaio si svolge il tradizionale campionato di baseball al quale partecipano giocatori noti in ambito sia nazionale che internazionale. Non perdetevi le divertenti partite che si svolgono nei diversi stadi del Paese; per acquistare i biglietti, basta recarsi direttamente agli stadi oppure rivolgersi a un tassista o al portiere del vostro albergo.

Pesca sportiva

Ogni anno, ad aprile, nelle zone di Cabeza de Toro e Boca de Yuma a Higuey, si celebra per tradizione il torneo internazionale di pesca del pescespada. Informazioni al riguardo si possono ottenere tramite il Club Nautico di Santo Domingo a Boca Chica.

Altri sportIl Paese può inoltre vantare un ippodromo chiamato Quinto Centenario, situato fra l’aeroporto Las Américas e la città di Santo Domingo, piste da bowling nelle città principali ed una gran quantità di sale da biliardo, soprattutto nei piccoli villaggi, dove rappresentano una delle rare opportunità di svago.

Vale la pena ricordare anche che la Repubblica Dominicana ospiterà i Giochi Panamericani del 2003!

© Copyright2000-05 DominicanDream Content Provision / Condizioni d’Utilizzo

Locali notturni

Bar e caffè

A differenza degli altri Paesi dell’area dei Caraibi, la Repubblica Dominicana offre una gran varietà di locali notturni. La notte comincia presto, di solito intorno alle 20: i punti di incontro privilegiati sono i diversi bar e caffè all’aperto, ideali per godersi un bevanda alcolica a base di rum accompagnato da un buon sigaro. L’orario d’apertura va di solito dalle 18 all’alba. Nella Repubblica Dominicana non esistono limiti né d’orario né d’età per quanto riguarda il servire alcolici.

Come alternativa, il divertimento può cominciare nelle famose birrerie o nei “colmadones” (negozi d’alimentari), soprattutto nelle piccole città dove il venerdì la gente s’incontra dopo il lavoro per godersi una bella “frìa” (fredda), nome con cui i Dominicani chiamano la birra.

A Santo Domingo vi sono diverse catene internazionali tipo “T.G. Friday’s”, posti in cui potersi gustare un buon vino come il “Punto y Corcho” e altri locali più popolari  sul Malecòn (Lungomare) o i diversi bar nella Zona Coloniale.

Nella parte settentrionale del Paese, a Puerto Plata, Sosua e Cabarete, è presente una gran quantità di bar e pub, soprattutto all’interno dei grandi alberghi e villaggi turistici della zona. A parte queste aree turistiche, le altre città sulla costa Nord hanno, però, ben poco da offrire in materia di bar o di pub.

Nella regione orientale, fate un salto ai bar “Papa Jack” ad Altos de Chavòn e “Las Cañas de Casa de Campo” a La Romana; a Bàvaro un gran numero di bar è concentrato nella zona alberghiera. Nella parte Nord-Est del Paese consigliamo il “Café de Paris” nel villaggio di Samanà o il “Kuh-Bar-Libre” o il “Capa Cabaña” a Las Terrenas.

Se siete interessati ad ascoltare un’orchestra di merengue, esistono anche bar con spettacoli di musica dal vivo, come il piano-bar “El Yarey” nell’Hotel “Melià Santo Domingo”, “Las Palmas” dell’Hotel “Santo Domingo”, il “Merengue Bar del Renaissance Jaragua” o il “Café Concierto Bachata Rosa” nella Città Coloniale; non potete, inoltre, non passare almeno una volta per il Boulevard de la 27 de Febrero, strada in cui, durante i fine settimana, si svolgono concerti e spettacoli. In tutte le altre zone la sera è possibile assistere a show di musica dal vivo nei piano-bar o nei bar dei grandi alberghi.

Di notte, soprattutto nei week-end, il Malecòn di Santo Domingo e quello di Puerto Plata si trasformano in luoghi di incontro all’aria aperta in cui la musica, la gente del posto e l’allegria imperversano; ci si può divertire fino a tarda notte senza spendere un centesimo.

Discoteche

Durante il fine settimana, dopo la tappa nei bar, segue quella nelle discoteche. La maggior parte delle sale da ballo e delle discoteche richiede un abbigliamento adeguato: è vietato entrare con indosso pantaloni corti, jeans, scarpe da ginnastica o T-shirt per quanto riguarda gli uomini. Questa regola non vale per le discoteche dei diversi villaggi turistici , poiché la maggior parte degli alberghi, soprattutto nelle regioni settentrionali ed orientali, mettono a disposizione degli ospiti vari bar e piste da ballo con spettacoli notturni. Non tutte le discoteche degli alberghi sono riservate ai soli ospiti ed è comunque possibile accedervi.

A Santo Domingo la maggior parte delle discoteche si trova all’interno dei grandi alberghi: l’Hotel “Melìa Santo Domingo”, il”Neòn” nell’Hotel “Hispaniola”, il “Jubilee” nell’Hotel “Reinassance Jaragua”, l’Hotel “Napolitano” ed il “Las Palmas” nell’Hotel “Santo Domingo”; senza dubbio, però, esiste una discoteca che non si può fare a meno di frequentare: la “Guacara Taina”, ricavata in una grotta sotterranea, ospita uno tra i migliori spettacoli folcloristici in assoluto.

A Puerto Plata le discoteche considerate più famose sono tre e si trovano tutte nella zona di Playa Dorada, all’interno di alberghi: l’”Andromeda nell’”Heaves Resorts”, il “Charlie’s” nel Jack Tar Village ed il “Crazy Moon” nel “Paradise Resort”. A Sosua sono note il “Copacabana” ed il “Merengue Club”. A La Romana potete invece recarvi alla discoteca di “Altos de Chavòn” e al “Bellagreen”, che tra le due è la più popolare. Nella zona di Las Terrenas sono conosciute il “Nuevo Mundo Disco” ed il disco-bar “El Mambo”.

Casinò

Per tutti coloro ai quali piace sfidare la sorte, in tutto il Paese sono dislocati più di trenta casinò, la maggior parte dei quali si trova all’interno dei grandi alberghi del centro. Basta soltanto avere più di diciotto anni; a differenza di altri Stati, infatti, non viene richiesto di indossare giacca e cravatta per accedere alle sale.

L’orario di apertura dei casinò va dalle 16 alle 4; nei fine settimana restano aperti fino alle 6 di mattina. Le bevande, alcolici compresi, vengono offerte gratuitamente. All’entrata non è necessario alcun pagamento.

Teatri e cinema

I migliori teatri della Repubblica Dominicana si trovano nella capitale. Il più importante è il Teatro Nazionale, situato in Plaza de la Cultura. Ogni settimana, durante la stagione invernale, l’Orchestra Sinfonica vi esegue diversi concerti. Negli altri periodi dell’anno, invece, si alternano sul palco rappresentazioni teatrali, opera e balletti.

Nel “Teatro de Bellas Artes” (Teatro delle Belle Arti) vengono messe in scena diverse opere teatrali di autori dominicani ed internazionali interpretate dai più grandi attori.

Nella Zona Coloniale, in un ambiente più caratteristico, si trova la Casa de Teatro, culla di famosi attori dominicani.

I cinefili hanno a disposizione un gran numero di cinema multisala, soprattutto nella capitale e nelle città maggiori. I film vengono perlopiù proiettati in versione originale con sottotitoli in spagnolo.

© Copyright2000-05 DominicanDream Content Provision / Condizioni d’Utilizzo

Dintorni

Santo Domingo e dintorni

La Repubblica Dominicana possiede cinquecento chilometri di spiagge; spiagge di tanti tipi: da quelle scarsamente frequentate in cui la vegetazione è rimasta incontaminata a quelle più affollate e popolari che non per questo hanno perso il proprio fascino agli occhi del visitatore.

Nelle vicinanze di Santo Domingo si trova la spiaggia di Boca Chica, a circa trenta minuti di automobile dalla capitale, in direzione Est: è una delle spiagge più frequentate dai Dominicani durante i fine settimana; grazie alla scarsa profondità delle acque, vi si trova una sorta di piscina naturale. Questa località è caratterizzata dal gran numero di stranieri che vi si stabiliscono. A Boca Chica si trovano diversi ristoranti di cucina internazionale, i proprietari dei quali, giunti qui in veste di turisti, vi si sono poi stanziati, subendo il fascino di questi posti. Le notti a Boca Chica sono ben note ai turisti: vi si trovano, infatti, diversi locali notturni, bar e discoteche.

Proseguendo in direzione Est, a circa 15 minuti di distanza da Boca Chica, incontriamo le località di Juan Dolio e Guayacanes, le cui spiagge sono meno affollate di turisti; qui, come nel resto del Paese, vi sono molte palme, all’ombra delle quali ci si può godere una bella siesta in compagnia di una bibita… Ma attenzione alla caduta di noci di cocco in testa!!

Regione orientale (Punta Cana e La Romana)Attraversando il villaggio di San Pedro de Macorìs e le coltivazioni di canna da zucchero, giungiamo alla città di La Romana, dove si può trovare la spiaggia privata dell’hotel di Casa de Campo.

Pochi kilometri in direzione Est e si arriva alle spiagge di Bayahibe e Dominicus che ospitano splendide strutture alberghiere; qui si può praticare ogni sorta di sport acquatico. Da questo luogo si possono poi raggiungere le isole Saona e Catalina: veri e propri paradisi terrestri per tutti coloro che amano godersi il sole ed il mare su di un isolotto praticamente disabitato. Per accedere a queste isole, ci si può informare, per le escursioni organizzate, presso uno degli alberghi, o in modo più avventuroso, presso i pescatori locali che, a modico prezzo, si renderanno disponibili a fornire il trasporto.

Proseguendo verso Est, incontriamo la zona di Punta Cana-Bavaro-Macao con i suoi trentacinque chilometri di spiagge ininterrotte e le cui acque turchesi e sabbia bianca rappresentano una grande attrazione per gli stranieri. Tutto attorno vi sono, infatti, più di trenta complessi turistici.

Regione Nord-orientale (Samanà)

Nella regione Nord-orientale troviamo la Penisola di Samanà con l’incantevole baia che porta il suo stesso nome. 

Nella stessa zona vi sono le spiagge di Las Galeras, Los Cacao, Playa Bonita e Playa Rincòn che risultano quasi deserte, ideali per il relax. Ed è sempre qui che si trova Las Terrenas, un’area di spiagge come poche al mondo, dove, con ogni probabilità, si incontreranno meno turisti, anche perché, ora come ora, vi sorgono solamente piccoli alberghi gestiti da stranieri.

Regione settentrionale (Puerto Plata e Sosua)Giungendo sull’altro lato dell’isola, la costa settentrionale, troviamo un litorale con oltre 125 chilometri di spiagge e diversi villaggi turistici. E’ su questa costa che si trova “Playa Dorada”, un complesso turistico con quattordici alberghi situato sulla spiaggia. Questo posto, caratterizzato da acque calme e finissima sabbia dorata, è circondato da una rigogliosa vegetazione perlopiù composta da palme e mandorli selvatici.

Andando oltre, sempre in direzione Est, lungo la costa settentrionale, incontriamo i due villaggi di Sosùa e Cabarete, noti per le spiagge piuttosto frequentate dai Dominicani.
Cabarete è situato fra una baia ed una laguna ed è esattamente qui che vengono tenuti diversi tornei internazionali di vela e windsurf nel corso dell’anno; gli amanti di questo sport sono infatti rapiti dalle sue spiagge.
Altre spiagge con le stesse caratteristiche presenti nella zona sono: Playa Long Beach, Playa Costambar, Playa Punta Rusia e Playa La Hermanita.

Regione Sud-occidentale (Barahona)Ad Ovest di Santo Domingo si trovano le spiagge di Salinas e di Palmar de Ocoa, perfette per la pratica del windsurf.

Anche nella regione Sud-occidentale vi sono splendide spiagge: San Rafael, dove confluiscono le acque provenienti dalle montagne circostanti formando una sorta di piscina naturale; Playa Paraiso (spiaggia del paradiso), il cui nome parla da solo; Quemaitos che si caratterizza, invece, per le pietre piccole e lisce che vi si trovano.

Nella zona di Pedernales vi sono Bahia de Las Aguilas, Playa Larga e Cabo Rojo.

© Copyright2000-05 DominicanDream Content Provision / Condizioni d’Utilizzo